EMERGENZA COVID-19

Linee guida per la ripresa dell’attività associativa e corale in sicurezza

Cromatica si impegna a svolgere le attività associative in modo da garantire la sicurezza di tutte le persone partecipanti in relazione all’emergenza epidemiologica di Covid-19  adottando prassi e comportamenti nel rispetto della normativa vigente.

In particolare Cromatica adotta le seguenti linee guida in relazione allo svolgimento dell’attività associativa e corale e ciascun coro individua delle persone responsabili al proprio interno per garantire il rispetto delle disposizioni di sicurezza.

A) Predisposizione dei locali per l’attività corale

  1. Lo svolgimento dell’attività corale dovrà essere riorganizzata in modo tale da garantire le distanze interpersonali minime tra le persone componenti del coro durante l’attività corale.  Le persone componenti del coro durante l’attività di esecuzione corale dovranno mantenere una distanza interpersonale laterale di almeno 1 metro e almeno 2 metri tra le eventuali file del coro e dagli altri soggetti presenti sul palco (compresi direttore/direttrice, strumentisti/strumentiste, etc). Tali distanze possono essere ridotte solo ricorrendo a barriere fisiche, anche mobili, adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. Nel caso in cui non sia possibile garantire le condizioni suddette l’attività di canto deve rimanere sospesa. Per il rispetto delle distanze interpersonali da garantire durante e al di fuori dell’attività corale dovranno essere scelti spazi sufficientemente ampi e arieggiati oppure dovrà essere ridotta la partecipazione delle persone, organizzando per esempio prove a sezioni o suddivise per gruppi scaglionati per fasce orarie.
  2. Viene raccomandato di riorganizzare gli spazi e la dislocazione di strumenti musicali e altre apparecchiature al fine di garantire l’accesso ai locali in modo ordinato, e per evitare assembramenti di persone e di assicurare comunque, anche al di fuori dell’attività di canto, il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra le persone partecipanti, ad eccezione delle persone che, in base alle disposizioni vigenti, non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. In caso di presenza di persone che necessitano di accompagnamento consentire l’accesso a un solo accompagnatore per persona. Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita. 
  3. Viene raccomandato di mettere nei locali a disposizione delle persone partecipanti soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani e anche mascherine chirurgiche nel caso qualche persona partecipante ne fosse sprovvista al momento dell’entrata.
  4. Viene raccomandato di igienizzare gli ambienti e le superfici prima dell’inizio dell’attività corale e al termine di essa. Nel caso di lunghe sessioni di attività corale che prevedono pause si raccomanda di igienizzare gli ambienti e le superfici prima della ripresa dell’attività corale. 
  5. Si suggerisce di arieggiare i locali e sanificare gli stessi periodicamente igienizzando le superfici anche nel corso di una stessa sessione di attività (per esempio ogni ora).
  6. Viene raccomandato di compilare un registro presenze da mantenere disponibile per almeno 14 giorni, in cui i partecipanti  autocertificano  di  non  avere  sintomatologie  correlabili  con  il  COVID‐19 all’ingresso dei locali (ALLEGATO 1). A tal fine si suggerisce di mettere a disposizione all’ingresso la misurazione della temperatura tramite thermoscan ed eventualmente di riportare nel succitato registro la temperatura corporea di ciascuna persona partecipante.
  7. Viene raccomandato di adottare un sistema che agevoli al mantenimento delle distanze interpersonali per tutto il tempo dell’attività corale come per esempio la predisposizione di segni per terra se il coro canta in piedi o la predisposizione di sedute da non spostare per tutta l’esecuzione dell’attività corale.
  8. Si raccomanda di affiggere nelle sedi in cui si svolge l’attività corale e associvativa schedere informative (ALLEGATO 2) sui comportamenti da adottare per il contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

B) Ingresso, uscita e permanenza nei locali

  1. L’accesso ai locali deve essere impedito in caso di temperatura > 37,5 °C e/o in caso di presenza di altri sintomi correlabili al COVID-19 come per esempio tosse, difficoltà respiratorie, raffreddore, mal di gola etc.
  2. L’ingresso e l’uscita dai locali deve avvenire in modo ordinato rispettando eventuali percorsi separati predisposti nei locali; occorre evitare in ogni caso gli assembramenti mantenendo la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro e è obbligatorio al momento dell’ingresso e dell’uscita indossare sempre correttamente la mascherina (coprendo sia il naso sia la bocca).
  3. Al di fuori dell’attività di canto l’utilizzo di mascherine a protezione delle vie respiratorie è obbligatorio in tutti i locali chiusi e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro.

C) Svolgimento dell’attività di canto

  1. La disposizione del coro deve essere preorganizzata dalle persone responsabili del coro in anticipo rispetto all’ingresso delle persone coriste, individuando le posizioni che ciascuna persona dovrà prendere (per esempio segnalando la posizione delle singole persone coriste sulle sedute, o comunicando all’ingresso a ciascuna persona la propria posizione)
  2. La disposizione del coro deve tenere conto della distanza laterale di almeno 1 metro tra una persona e l’altra e in caso di disposizione di coro su più file è necessario garantire anche la distanza frontale di almeno 2 metri tra una fila e l’altra. La direttrice o il direttore del coro devono disporsi alla distanza frontale di almeno 2 metri dalla prima fila del coro. Tali distanze possono essere ridotte solo ricorrendo a barriere fisiche, anche mobili, adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. Soltanto alla presenza di tali condizioni le persone coriste e il direttore o la direttrice possono togliere la mascherina durante lo svolgimento dell’attività corale.
  3. Si invitano i cori a valutare la possibilità di eseguire l’attività di canto indossando la mascherina anche in presenza delle condizioni di distanziamento summenzionate. Cantare con la mascherina limita aiuta a limitare la diffusione di droplets, inoltre la mascherina non compromette l’emissione del suono e può mettere a proprio agio tutte le persone in questa fase di ripresa. Esistono delle mascherine trasparenti che possono agevolare la vista reciproca della posizione della bocca durante l’emissione del suono.
  4. In caso di spazi poco ampi si raccomanda di ridurre al minimo l’impiego di strumentiste/strumentisti che accompagnano l’attività di canto. In caso di loro impiego, musiciste e musicisti dovranno essere disposti in maniera tale da mantenere una distanza di almeno 2 metri dalle persone del coro e una distanza tra di loro di almeno 1 metro, dovranno sempre indossare la mascherina. Per coloro che suonano gli strumenti a fiato, la distanza interpersonale minima sarà di 1,5 metri; per gli ottoni ogni postazione dovrà essere provvista di un contenitore per la raccolta della condensa, contenente liquido disinfettante.

D) Comportamenti da evitare

  1. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.
  2. Evitare abbracci e strette di mano.
  3. Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività associativa

E) Attività corale aperta al pubblico (concerti/esecuzioni)

  1. Tutte le disposizioni sopra menzionate devono essere rispettate da tutte le persone coinvolte nella performance corale.
  2. Si dovrà evitare l’uso di spogliatoi promiscui e privilegiare l’arrivo delle persone coriste già in abito da esecuzione.
  3. Lo svolgimento delle esecuzioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento previste dalla normativa.
  4. L’accesso del pubblico ai locali dell’esecuzione deve avvenire secondo le regole generali (distanziamento interpersonale di almeno 1 metro e di utilizzo obbligatorio delle mascherine in tutti i locali chiusi e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro) e comunque rispettando le disposizioni specifiche che riguardano il locale in questione derivanti da disposizioni comunali o normative regionali.

Si ricorda che le responsabilità inerenti il rispetto della normativa nazionale e regionale in materia di contrasto e contenimento dell’epidemia di Covid-19 nell’ambito dell’attività associativa sono di esclusiva pertinenza dei presidenti dei cori e/o dei presidenti degli enti/associazioni che danno al coro la disponibilità dei locali pertanto si raccomanda di integrare tali linee guida con eventuali ulteriori disposizioni derivanti specificamente alla concessione degli spazi (come per esempio legate alla concessione di spazi pubblici o privati di enti terzi) o derivanti da ordinanze regionali o comunali (come per esempio l’eventuale obbligo di usare la mascherina anche se l’attività viene effettuata in spazi all’aperto se viene imposto da specifiche ordinanze regionali o comunali).

Per le esecuzioni in spazi aperti al pubblico si raccomanda ai presidenti e/o ai responsabili dei cori di accordarsi specificamente con l’ente che dà in gestione lo spazio pubblico stesso per individuare quali sono gli oneri che deve assolvere il coro e quali il gestore dello spazio pubblico al fine di rispettare la normativa nazionale e regionale ed eventuali disposizioni comunali di contrasto e contenimento dell’epidemia di Covid-19.

Si raccomanda ai cori di utilizzare per le prove spazi ampi e a tal fine si suggerisce di rivolgersi nel caso anche alla ricerca di spazi adeguati presso le amministrazioni comunali che potrebbero aver predisposto locali appositi per le attività del terzo settore.

Il Consiglio Direttivo di Cromatica

Moduli

Fonti: